top of page
  • Immagine del redattoreArianna Vianelli

Per Brixia InVita lo spaghettone con le sardine e germogli

La settimana scorsa, il 1° maggio, è stato organizzato l’evento Brixia Invita presso il complesso museale di Santa Giulia a Brescia. Sono orgogliosa di avervi preso parte, presentando la mia cucina ad una platea, per la prima volta, composta da bresciani… d’altro canto nemo propheta in patria, giusto?

Il menu proposto tutto all’insegna del territorio, con ingredienti che caratterizzassero i piatti proprio in questo senso: vellutata di asparagi con crostini di pane, germogli dell’azienda Sempreverde Biogermogli (Marone), olio Dop del Lago di Garda, spaghettone con le Sardine essiccate del Lago d’Iseo ed dadolata di verdure con trancio di baccalà e salsa al Franciacorta.

Prodotti del territorio, leggerezza, semplicità e gusto le caratteristiche comuni delle portate che ho cucinato davanti a persone molto interessate che mi trasmesso molto entusiasmo. Proprio per i presenti (ma non solo) trascrivo le ricette realizzate.

Partiamo con lo spaghetto!


speghetti con sardine essicate

Ingredienti per quattro persone:

  1. 400 g di spaghettoni

  2. 10 filetti di sardine essiccate del Lago d’Iseo

  3. 100 g di germogli di asparago pisello

  4. pepe

  5. olio extra vergine di oliva 

  6. finocchietto

Portare ad ebollizione abbondante acqua salata, buttare gli spaghetti e nel frattempo preparare il condimento.

Tagliare a listarelle le sardine, cuocerle a fiamma alta per un paio di minuti aggiungendo nella padella un filo d’olio.

Aggiungere i germogli. Scolare la pasta cinque minuti prima del termine di cottura, unirla al condimento insieme a due o tre mestoli dell’acqua di cottura e spadellarla finchè non è al dente. Impiattare e servire aggiungendo un filo d’olio crudo e un ciuffetto di finocchietto.

Per rispondere ad una delle domande più frequenti che mi è stata posta: potete trovare le sardine essiccate alla Cooperativa dei Pescatori del lago a Clusane (030 989074) oppure alla Dispensa Pani e Vini a Torbiato di Adro.

In abbinamento al piatto proporrei un Corte Fusia Franciacorta Satèn, morbido, cremoso in bocca e con un residuo zuccherino basso.


corte fusia franciacorta

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page