top of page
  • Immagine del redattoreArianna Vianelli

Spaghetti con gamberi e fave e Corte Fusia Franciacorta Satèn

Ultimamente l’abbinamento legume e pasta, tra l’altro molto bilanciato dal punto di vista dietetico, mi piace molto. Questa settimana sono riuscita a trovare, anche se surgelate, le fave, cosa non molto facile da queste parti. Sono proprie del periodo primaverile ma ho fatto uno strappo alla regola perché non le trovo mai e non volevo farmi scappare l’occasione di cucinarle.  Anche se surgelate erano molto buone e saporite e tra l’altro, non essendo abituati a mangiarne da queste parti, hanno fatto anche parecchio colpo sugli ospiti!


Spaghetti con fave e gamberi

Ingredienti per quattro persone:

  1. 400 g di spaghetti artigianali trafilati al bronzo (mi raccomando la scelta della pasta è fondamentale, per questa e per tutte le altre ricette)

  2. 20 gamberi

  3. 450 g di fave

  4. sale e pepe

  5. olio extra vergine di oliva

  6. qualche ciuffetto di aneto o finocchietto selvatico

Pulire le fave (se sono fresche dal baccello) e sbollentarle in acqua salata per 10 minuti.

Scolarle e farle raffreddare. Armati di santa pazienza, eliminare anche la pellicina.

Mettere un terzo dei legumi in un recipiente insieme ad un mestolo della loro acqua di cottura e con il mini pimer frullarle fino ad ottenere una crema liscia. Aggiungere un pizzico di sale e pepe. Mettere da parte.

Pulire i gamberi togliendo la testa, il carapace e il budellino. Marinali per 15 minuti con sale, pepe,olio e mezzo calice di Franciacorta, rigirandoli di tanto in tanto.

In una padella antiaderente scaldare un filo d’olio, aggiungere le fave e i gamberi con la loro marinatura. Farli saltare per due minuti circa a fiamma alta, aggiustando di sale e pepe.

In acqua salata cuocere la pasta ma scolarla prima del termine della cottura e spadellarla con il condimento aggiungendo la crema di di fave e due o tre mestoli di acqua di cottura.

Appena gli spaghetti sono al dente, impiattarli aggiungendo un ciuffetto di aneto, una macinata di pepe e un filo d’olio crudo.

In abbinamento al piatto abbiamo scelto un Corte Fusia Franciacorta Satèn, 100% chardonnay proveniente da vigneti della zona di Coccaglio e Cologne, 30 mesi di affinamento sui lieviti e bassissimo residuo zuccherino.


corte fusia satèn

Comentarios

Obtuvo 0 de 5 estrellas.
Aún no hay calificaciones

Agrega una calificación
bottom of page